Milano, anche l'ultimo polmone verde è minacciato dall'Expo

Stampa PDF

Caro Fini, ho letto che a San Siro, sull’area in cui ci sono gli ippodromi del galoppo e del trotto, le piste d’allenamento, le scuderie, si vorrebbe costruire, in vista dell’Expo, un polo multimediale comprensivo di centri commerciali, una ‘cittadella della giustizia’, case di lusso. Ma è mai possibile che Milano voglia privarsi anche dell’unico ‘polmone verde’ che le è rimasto?

Giorgio Giusti, Milano

Il Comune ha smentito. Ma l’assessore provinciale all’ambiente Bruna Brembilla ha rilasciato una dichiarazione che lascia aperta ogni ipotesi: «Non troveranno accoglienza nel Parco, progetti che ne stravolgano la natura, ma saranno benvenuti quei piani che riescano a mantenere l’equilibrio fra la spinta all’urbanizzazione della grande città e il desiderio di protezione di una preziosa area agricola e naturale». Su questo «desiderio di protezione» ne sappiamo già abbastanza. Basta niente per cambiare un regolamento edilizio. negli anni ’80 andavo spesso in bici da quelle parti proprio per godere del poco verde di una città che non ha nemmeno delle vere piste ciclabili. Un giorno, alzando la testa dal manubrio, vidi che sul terreno delle vecchie scuderie De Montel erano sorti otto grattacieli di sei piani, oltretutto dal gusto orribile. Trovandomi a colloquio qualche tempo dopo col sindaco Carlo Tognoli gli chiesi conto di quello scempio. ‘Tognolino’ abbassò per un attimo gli occhi, poi rispose: «Si vede che il piano regolatore lo consente». Qualche tempo dopo si progettò di abbattere, sempre nella zona di San Siro, sette cascine (che è come abbattere delle abbazie trecentesche) per sostituirle con la solita cementificazione. La gente del luogo si ribellò. Alla fine non se ne fece niente in base alla considerazione che i cavalli avevano bisogno di respirare. Ma se si tolgono gli ippodromi, non ci saranno più nemmeno i cavalli e le loro esigenze a far da scudo. In quanto ai milanesi, a respirare hanno rinunciato da un pezzo.

Condividi

Mobile

Scarica l'app per Android, e resta aggiornato sugli ultimi articoli.

Oppure con il tuo lettore feed preferito cercando la pagina:
http://www.massimofini.it/articoli/blog

Cerca

Links