0
0
0
s2smodern

Il dio Thot (Marsilio - 2009)


In un mondo in cui esiste solo l'informazione, che si avvita su se stessa, parla di se stessa, megafono del nulla, quel poco di realtà che c'è ancora è ignorata dai media e quindi non esiste, perché come dice lo slogan di Teleworld "fatto è la notizia e la notizia è il fatto". Il distacco tra virtuale e reale è ormai completo. Insospettito da alcuni segnali il protagonista, Matteo, in tre giorni di ricerca angosciosa durante i quali assiste a episodi di inaudita e gratuita violenza, di cui nessuno dà conto, scoprirà questa verità di cui gli altri, paghi e storditi dall'incessante rumore di fondo dei media, non sembrano preoccuparsi o avere coscienza. Matteo è un uomo in grigio, ingenuo e mite. Né eroe né rivoluzionario, la sua ribellione sarà la morte. Mentre il mondo dell'informazione, a causa di un blackout, imploderà su se stesso e scomparirà insieme ai suoi aiutanti. Il finale del libro, che a suo modo è anche un giallo, è a sorpresa.

0
0
0
s2smodern

Pagina (con Aldo Canale) dal 1980 al 1985


Rivista politico culturale lib-lab con venature anarchiche in cui si sono formate od hanno transitato: Paolo Mieli, Ernesto Galli della Loggia, Pierluigi Battista, Giampiero Mughini, Giuliano Ferara.

 

La Voce del Ribelle dal 2008

Mensile di indirizzo antimodernista.

0
0
0
s2smodern

{flv}VID|500|300|1{/flv}

{youtube}CwXXmY7qmHg{/youtube}

{youtube}tO6nbwBK0Jw{/youtube}

{youtube}nyxnWvAZ9-U{/youtube}

{youtube}o1MLo5k8SqM{/youtube}

{youtube}r88VOr6BtsY{/youtube}

{youtube}4BJkrH9IW0g{/youtube}

{youtube}3S8K0Y9xduk{/youtube}

{youtube}JuyA5Aqug5A{/youtube}

{youtube}a89Fk15BTrI{/youtube}

{youtube}HlWtnZHIBQ8{/youtube}

{youtube}XhpT7tATjVg{/youtube}

{youtube}3jg1-z2GTC0{/youtube}

{youtube}sgOcvVwnam4{/youtube}

{youtube}L-zdgyZjF74{/youtube}

{youtube}Aka2qpWzSfc{/youtube}

{youtube}FHgJB2IoKyY{/youtube}

{youtube}qjr8Kk8IXdo{/youtube}

{youtube}ePUI2lFoFFg{/youtube}

{youtube}mcpmzZSdDNU{/youtube}

0
0
0
s2smodern

Ragazzo. Storia di una vecchiaia (Marsilio - 2007)


Una spietata analisi, senza infingimenti, senza autoillusioni, senza autoinganni sulla vecchiaia, al di là delle ipocrisie e della retorica con cui oggi cerchiamo di abbellire e edulcorare quella che
chiamiamo eufemisticamente «la terza età» rendendola così, se possibile, ancor più crudele e beffarda. E, insieme, in un gioco di rimbalzi e di controspecchi, un appassionato inno alla giovinezza, «quella irripetibile età in cui ci chiamavano ragazzi».
Animato da ricordi e esperienze personali, nelle quali il lettore non farà fatica a riconoscersi perché Fini riesce a dare ai fatti che rievoca, ora con tenerezza, ora con ironia, ora con sarcasmo,
a volte con lucida ferocia, significati e valenze universali, Ragazzo è anche una sorta di singolare autobiografia giocata solo sul filo del rapporto giovinezza/vecchiaia, sul cui sfondo domina, enigmatico e incontrastabile, il vero protagonista del libro: il Tempo.

«L’estremo paradosso dei vecchi è che desiderano morire ma vogliono vivere»

 

Dizionario erotico (Marsilio - 2000)


Un’opera provocatoria, a metà tra il sillabario divagante e la confessione personale, che esplora più di cento voci molto varie inerenti l’universo erotico femminile, così come lo vedono, e ne parlano gli uomini
A come "Atto sessuale", B come "Bocca", C come "Culo"… Scorrendo l’indice delle voci di questo audace dizionario-diario, che vanno dai prevedibili "Viagra", "Vibratore", a meno prevedibili spunti filosofici (vedi alla voce "Kant") o neologismi come "Fica Power", si potrebbe pensare a un’opera di machismo impunito, un trattato per lemmi che esalta la donna-oggetto, una lode alla femmina da letto. Ma questa guida alla libido femminile rigorosamente osservata dal maschio riserva più di una sorpresa, e la conclusione non è affatto scontata. Con uno stile crudo, che non si nega nulla ma non è mai volgare, spesso sarcastico, talvolta persino tenero, il Di(zion)ario è anche una provocatoria analisi del costume che, in qualche modo, ci mostra una delle tante prospettive con cui possono essere osservati, e vissuti, i rapporti uomo-donna.
Il mondo dell’eros visto con un occhio maschile, antifemminista ma non antifemminile