0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Ci si accapiglia fra Pdl e Pd sulla decadenza o meno da senatore di Silvio Berlusconi che dovrebbe essere decisa nei prossimi giorni dalla Giunta per le elezioni e le immunità, in base alla legge Severino del 2012 che sancisce l'incandidabilità al Parlamento o l' impossibilità di permanervi per chi sia stato condannato in via definitiva, per un reato doloso, a una pena superiore ai due anni. Che è esattamente il caso del Cavaliere condannato a quattro anni di reclusione, più all'interdizione dai pubblici uffici in misura ancora da determinare, per frode fiscale. Il Pd vorrebbe che la decadenza, se votata in maggioranza in Giunta e al Senato, che la deve ratificare, fosse automatica. Il Pdl invita a rifletterci su e a garantire i diritti della difesa.

Mi pare che i difensori di Berlusconi abbiano questa volta qualche buona ragione dalla loro. Non perché sulla legge Severino gravino dubbi di incostituzionalità come affermano alcuni nel Pdl e come è stato ventilato anche dal ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri. Questa legge è valida 'erga omnes' e quindi non si vede quali profili di incostituzionalità possa avere. Un ricorso alla Consulta per questo motivo sarebbe un' inutile perdita di tempo. Ma anche se costituzionale non è detto che la legge Severino sia applicabile al caso Berlusconi. Perché nel diritto penale vale il principio generale della "irretroattività della legge". A meno che non sia più favorevole al reo, che non è il caso di Berlusconi. Per il leader del Pdl dovrebbe quindi valere il principio della irretroattività perché la decadenza del senatore si configura come una pena aggiuntiva che all'epoca in cui commise il reato di frode fiscale non c'era. Tutto dipende dalla natura che si attribuisce alla legge Severino, se cioè è una norma di carattere penale o amministrativo. Nel primo caso vale il principio della irretroattività, nel secondo no. E anche su questo si stanno azzuffando Pdl, Pd e autorevoli giuristi.

Ma tutte queste 'baruffe chiozzotte', come ha notato Giulia Bongiorno, uno dei migliori penalisti italiani, sono di lana caprina perché riguardano una questione secondaria. Comunque vadano le cose Berlusconi, in esecuzione alla sentenza di condanna, entro il 15 ottobre dovrà scegliere se essere preso in tutela dai servizi sociali o se scontare la pena ai domiciliari, dato che, in ragione della sua età, non può essere messo in carcere (in linea di massima, perché ci sono ottantenni, per giunta malati, in galera). Poniamo che scelga i domiciliari. Non potrà ricevere visite se non dai più stretti familiari e dagli avvocati. Non potrà ricevere né fare telefonate. Potrà uscire di casa, si tratti di Arcore o di qualche altra villa, per qualche ora solo se autorizzato dal Giudice di Sorveglianza. Se si azzarderà a uscire in orari non autorizzati troverà due robusti carabinieri che lo prenderanno per la collottola e lo risperiranno a casa o lo porteranno direttamente in carcere per l'ulteriore reato di evasione. Insomma anche se il Parlamento decidesse per la non decadenza da senatore, Berlusconi lo rimarrebbe solo nominalmente non potendo esercitarne le funzioni. E allora, a meno che non ci siano altre manovre sottobanco, non si capisce tutto questo 'rumore per nulla'.

Massimo Fini

Il Gazzettino, 6 settembre 2013

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Ai berluscones non entra nella zucca che il consenso non autorizza a commettere reati. Altrimenti bisognerebbe stabilire un tariffario. Con due milioni di voti si potrebbe fare un furto semplice, con quattro un furto con scasso, con sei una rapina, con dieci una frode fiscale, con dodici commettere un omicidio, con venti compiere una strage.

Già è grave che Pdl e Pd (sia pur questo sottobanco) trattino per trovare una via d'uscita al Cavaliere per permettergli di sfuggire a una condanna definitiva. Perchè qui non c'è da dividersi in 'falchi' e 'colombe', ma sono in gioco principi indisponibili, come l'uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge, che non è nella potestà di nessuno violare.

In uno Stato di diritto non è necessario che le sentenze siano rispettate, è invece inderogabile che siano applicate. Berlusconi quindi, visto che per motivi d'età non puo' essere messo al gabbio, deve andare ai servizi sociali o ai domiciliari. Se sceglierà questa seconda soluzione non potrà ricevere visite, e nemmeno telefonate, se non dagli stretti familiari e potrà uscire, per qualche ora, solo se autorizzato dal Giudice di Sorveglianza. E se cercherà di fare il furbo evadendo da una delle sue ville in orari non autorizzati, troverà due robusti carabinieri che lo acciufferanno per il collo e lo riporteranno a calci in culo a casa o direttamente al gabbio perchè non ha rispettato i limiti imposti dal Giudice. Cosi' van le cose per tutti i cittadini che si trovano nella sua situazione.

Gravissimo sarebbe se Pdl, Pd, Capo dello Stato per non fargli scontare la pena alla reclusione trovassero qualche 'escamotage'. 1) Grazia. Va chiarito che la richiesta di Grazia non implica un'ammissione di colpevolezza e che la Grazia puo' essere concessa 'motu proprio' dal Capo dello Stato, senza richiesta. La Grazia, in genere, viene concessa per considerazioni umanitarie. E in ogni caso non si vede per quale mai motivo dovrebbe essre data a un 'delinquente naturale', come lo ha definito il Tribunale di Milano, che ha già un altra condanna sul gobbo, processi in corso, che non ha mai manifestato pentimenti per le sue malefatte ma, al contrario, continua ad accusare i suoi giudici di un reato gravissimo (aver distorto la legge a fini politici) senza peraltro degnarsi di fornire le prove denunciando i magistrati felloni alla prima Procura competente. 2) Commutazione della pena. Vale il discorso fatto per la Grazia. 3) Amnistia. Sarebbe la prima volta al mondo che per salvare un delinquente se ne liberano altri ventimila. Amnistia e indulto non hanno mai risolto l'annoso problema del sovraffolamento delle carceri che, nel giro di due anni, è tornato al livello precedente. Perchè invece di strologare sui Ponti di Messina, in tutti questi anni non si sono costruite carceri nuove e civili? Comunque in questo momento un provvedimento generale di clemenza assumerebbe, di fatto, il carattere grottesco e inaudito di una amnistia 'ad personam' .

Sulla decadenza da senatore di Berlusconi mi pare invece che i suoi difensori abbiano qualche ragione. La legge Severino non è incostituzionale, perchè vale per tutti, e non c'è bisogno di alcun ricorso alla Consulta. Pero' in penale vale il principio della «irretroattività della legge, a meno che non sia più favorevole al reo». Che non è il caso di Berlusconi. Per lui dovrebbe valere il principio della irretroattività perchè la decadenza da senatore si configura come una pena accessoria. Berlusconi, visto che non ha la dignità di dimettersi, puo' rimanere senatore. Ma dal gabbio.

Massimo Fini

Il Fatto Quotidiano, 31 agosto 2013

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

La probabile aggressione americana alla Siria non ha alcuna legittimità. Nè giuridica nè morale. Fino a una ventina di anni fa valeva il principio di diritto internazionale della «non ingerenza militare negli affari interni di uno Stato sovrano». Gli americani lo hanno cancellato. Prima in Serbia, nel 1999, per la questione del Kosovo. Qui erano a confronto due ragioni: quella degli indipendentisti albanesi del Kosovo, diventati maggioranza nella regione, e quella dei serbi a conservare la sovranità su un territorio che era da sempre, storicamente e giuridicamente, loro. Ma gli americani decisero che, a loro insindacabile giudizio, i torti stavano solo dalla parte dei serbi e bombardarono per 72 giorni una grande capitale europea come Belgrado. Poi è stata la volta dell'Iraq (2003). Caduto il pretesto che Saddam possedeva armi chimiche si è affermato che era imprescindibile portarvi la democrazia, operazione costata dai 650 ai 750 mila morti iracheni (e non è finita perchè lo scardinamento degli equilibri in Iraq ha portato a una sanguinosa guerra civile fra sunniti e sciiti che causa centinaia di morti alla settimana). Quindi c'è stata la Libia (2011). Oggi tocca alla Siria. Domani, chissà, all'Iran. Nessuna di queste operazioni aveva l'avallo dell'Onu. Ma l'Onu, se ci si passa il volgare fiorentino, «va su e giù come la pelle dei coglioni». Se c'è il suo avallo l'operazione è legittima, se non c'è si procede lo stesso. In Siria Assad ha accettato gli ispettori dell'Onu che devono indagare se ha effettivamente utilizzato armi chimiche contro i ribelli. Se ne dovrebbero aspettare le conclusioni. Ma gli americani hanno fretta: «Le prove le abbiamo noi e le abbiamo fornite agli alleati». I quali dovrebbero stare perlomeno all'erta visto il grottesco precedente iracheno.

Cio' che è intollerabile non è la politica di potenza imperiale-l'hann fatta tutti, ogni volta che hanno potuto-ma la pretesa degli americani di darle delle giustificazioni morali. Il loro grimaldello per scardinare ogni principio di diritto internazionale e poter aggredire i Paesi che non stanno nella loro sfera di influenza è la difesa dei 'diritti umani'. Ma andiamo. Uno dei loro principali alleati in questa ennesima aggressione è l'Arabia Saudita vero campione dei 'diritti umani', in particolare quelli delle donne. E mi piacerebbe sapere da dove mai deriva questa 'superiorità morale' di cui gli americani si sentono investiti. Nel campo dell'uso delle 'armi di distruzione di massa' non hanno rivali. Hanno gettato la bomba atomica su Hiroshima. E tre giorni dopo, nonostante fossero ben consapevoli dei suoi effetti devastanti, su Nagasaki. Sono loro, insieme alla Francia e all'allora Urss, ad aver fornito le armi chimiche a Saddam in funzione antiraniana e anticurda. E se poi non le hanno trovate è perchè Saddam le aveva già esaurite 'gasando' in un colpo solo i cinquemila abitanti del villaggio di Halabya, nel complice e vergognoso silenzio di tutta la stampa occidentale perchè allora Saddam era un nostro alleato.

Il segretario di stato John Kerry, di cui quel pseudonero e pseudodemocratico di Obama è il ventriloquo, ha definito «un'oscenità morale» l'uso di armi chimiche, peraltro ancora tutto da provare, da parte dell'esercito di Assad e ha detto di aver pianto mentre vedeva un padre che cercava di salvare i propri figli. Perchè non piange sulle migliaia di bambini e bambine assassinati in Afghanistan dai dissenati raid aerei della Nato e su quelli nati storpi, ciechi e deformi per l'uso indiscriminato delle bombe all'uranio impoverito?

Massimo Fini

Il Gazzettino, 30 agosto 2013